venerdì 24 settembre 2010

IL SOLITARIO NELL'AUTUNNO / DER EINSAME IM HERBST

Herbst


Nebbie autunnali vagano azzurrine sul lago;
sono rigati di brina tutti i fili d'erba;
diresti che un artista abbia sparso polvere
di giada sui fiori delicati.
Il dolce profumo dei fiori è svanito;
un freddo vento piega in giù i loro steli.
Presto, appassiti, i petali d'oro
dei fiori di loto fuggiranno sull'acqua.
Il mio cuore è stanco. La mia piccola lanterna
si spegne crepitando:
è un invito a dormire.
Vengo da te, mio caro rifugio!
Sì, dammi pace, ho bisogno di sollievo!
Io piango molto nella mia solitudine.
L'autunno dura da troppo tempo nel mio cuore.
Sole dell'amore, non vuoi proprio più splendere,
per asciugare con mano lieve le mie lacrime amare ?


Herbstnebel wallen Bläulich überm See;
Vom Reif bezogen stehen alle Gräser;
Mann meint, ein Künstler habe Staub von Jade
Über die feinen Blüten ausgetreut.
Der süsse Duft der Blumen ist verflogen;
Ein kalter Wind beugt ihre Stengel nieder.
Bald werden die verwelkten, gold' nen Bkätter
Der Lotosblüten auf dem Wasser zieh' n.
Mein Herz ist müde. Meine kleine Lampe
Erlosch mit Knistern;
es gemahnt mich an den Schlaf.
Ich komm' zu dir, traute Rubestätte!
Ja, gib mir Ruh, ich hab' Erquickung not!
Ich weine viel meinen einsamkeiten.
der Herbst in meinem Herzen währt zu lange.
Sonne der Liebe, willst du nie mehr scheinen,
Um meine bittern Tränen mild aufzutrocknen?

(da/von Tchang Tsi poeta cinese del VIII secolo d.C., dinastia Tang, testo utilizzato da G. Mahler nel Canto della Terra / Das Lied von der Erde )

12 commenti:

Krilù ha detto...

Magici i cromatismi d'inizio autunno: per me, la più bella e colorata fra le stagioni.

Sempre grazie per le immagini e per le parole che sapientemente scegli.

Silenzi d'Alpe ha detto...

@Krilù. La montagna, la natura in generale, è una fonte inesauribile di emozioni in tutte le stagioni dell'anno, io penso e per questo cammino fra le sue braccia. Se sei interessata alle altre liriche cinesi del Canto della Terra le puoi trovare all'url: http://users.libero.it/enrico.gustav/mahler/Testi/DLvdE.htm

ciao e a presto sui ns Blog

Krilù ha detto...

Grazie Andrea. I tuoi link mi sono preziosi.
Buona domenica.

Silenzi d'Alpe ha detto...

@Krilù. Grazie a te per i tuoi puntuali e sempre stimolanti commenti che arricchiscono questo piccolo spazio.

FÊNIX CRUZ ha detto...

Sou muito grata por ter me visitado no ENGENHOLITERARTE. Apaixonei-me pela sua bela aventura - as fotos são todas lindas e, nos participam um pouquinho da sua emoção em lidar com este templo monumental que é a natureza. aliás,o seu olhar é preciso e apaixonado... é magnífico1 Parabéns. vou aproveitar a sugestão acima.
Mille Grazie di cuore!

Silenzi d'Alpe ha detto...

@FÊNIX CRUZ. Muito obrigado e bem-vindos neste espaço. Ciao e a presto sui ns Blog (e vê-lo em breve no nosso Blog)

Christomannos ha detto...

Iniziano i colori dell'autunno.
Bella
ciao
Mario

Silenzi d'Alpe ha detto...

@Christomannos. In montagna le differenti fasi delle stagioni sono sempre presenti alle varie quote. Dalle vette imbiancate, lì è ormai pieno inverno, via via si scivola verso le diverse tinte dell'autunno.

ciao e a presto sui ns Blog

nonnatuttua ha detto...

Da un po' di tempo l'autunno è diventato la mia stagione prediletta......i suoi colori caldi, l'aria che si raffredda e invita a rientrare in casa e goderne i pregi: un buon libro, una tisana calda, il gusto di fare una semplice torta per poter accendere il forno (magro sostituto al caminetto!)
E' un po' come il passare degli anni, vissuto con dolcezza e amore....

frivoloamilano ha detto...

Ci sono gli apripista o le avanguardie...poi tutti seguono.



un saluto

Silenzi d'Alpe ha detto...

@nonnatuttua. Hai colto in pieno il senso di questa poesia, in una accezione ottimista che pienamente condivido ! Ciao e grazie

Silenzi d'Alpe ha detto...

@frivoloamilano. In montagna, specialmente ora che arriva la neve, meglio apripista. Ciao e a presto sui ns Blog