mercoledì 19 novembre 2008

LE RADICI AGGROVIGLIATE DEI FAGGI

faggi1bis


Il vento, a folate, accorse dai crinali e dalle gole nere dei monti, ove un fragore è nel fondo. Sciogliendo la sua corsa verso l’aperto, vi respiravano a quando a quando, con un lento respiro, gli abeti: o i faggi dalle radici aggrovigliate. Così dei lontani si sa tutto, ed anche i dolori. ....
L’atto di conoscenza ha da radicarsi nel vero, cioè in quel quid ch’è stato vivuto, e non sognato, da le genti: sì come di faggio, d’antico faggio, in ne’ cui rami superni fragorosamente, ma vanamente, lo stolto vento prorompe.

(da Carlo Emilio Gadda)


Gli alberi sono il simbolo emblematico della capacità di resistere, di adattarsi e di superare le intemperie dell'ambiente esterno. Esprimono la sintesi dell'atto di conoscenza e quello del ricercare nella memoria perchè sanno scavare con tenacia, in silenzio, lentamente, radici solide e profonde nel ventre della terra. Per questo sono longevi e sviluppano tronchi, rami e da questi altri rami e fronde e dalle fronde le innumeri e mormoranti foglie. E ognuna ha un pensiero suo ed è nel pensiero comune. Qualche albero cade, il bosco tiene. La nostra società, smemorata e superficiale, senza le adeguate difese corre il rischio di una morte precoce.
La cieca furia del vento si abbatte sulle vite degli uomini, strappando loro la salute e gli affetti più cari, con violenza estrema e anzitempo. Occorre scavare radici solide e profonde dentro noi stessi per trasformare il disordine e il dolore di questo mondo nella bellezza di una foresta di montagna.


WebRoll

  • The Edinburgh Journal of Gadda Studies

  • faggi2bis Faggi3bis faggi6tris faggi4

    faggi7bis

    16 commenti:

    nonnatuttua ha detto...

    Vorrei camminare per questi boschi e, nel silenzio, sentire lo scricchiolio delle foglie secche sotto le scarpe!
    Le radici di quel faggio, come mani di vecchio, scarne e rugose, sembra vogliano reggere tutto il tesoro che c'è lì, alla base dell'albero, quell'humus che ha generato la vita.... come per una famiglia che ha nei suoi vecchi le radici più profonde.
    Ora che i vecchi non sono quasi mai tenuti in considerazione la foresta-famiglia è diventata un ammasso di sterpaglie dove non ci si muove più...
    Fausta

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    Cara nonnatuttua, hai proprio ragione, purtroppo. Il trascurare il patrimonio di esperienze di vita degli anziani è un effetto diretto della "smemoratezza" e della "superficialità" imperanti oggigiorno.
    un abbraccio

    donatella ha detto...

    Un percorso di memoria ci riporta a noi stessi e nell'albero e nella pietra trova i suoi simboli più efficaci.
    Bellissimo!
    un abbraccio
    donatella

    Christomannos ha detto...

    Amo camminare nei boschi da solo, mi sento a mio agio, mi sento parte di questa bellissima natura come quel faggio, un luogo incantato.
    Un caro saluto
    Mario

    Princy60 ha detto...

    resto sempre incantata dalle tue parole e immagini

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    @Christomannos. E' un bellissimo bosco delle favole. Ciao a presto sui ns Blog

    Silenzi d' Alpe ha detto...

    @Princy60. Grazie, soprattutto per aver anteposto le parole alle immagini, perchè oggi viviamo in una società dell'immagine che ha molto bisogno di parole. Ciao

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    @Donatella. L'altro elemento che per eccellenza rappresenta la memoria è il ghiaccio. Non a caso viviamo in una società "liquida" !

    ciao un abbraccio a te

    donatella ha detto...

    Buon natale
    carissimo Andrea e buone passeggiate fra i ghiacci intrise di memoria

    Bacioni

    donatella

    frivoloamilano ha detto...

    Ciao Andrea, approfitto di questo post per farti gli Auguri. Cosa augurarti e augurarsi, che l'uomo rinsavisca e che torni alle "radici", ai valori dimenticati. Spero nell'arcobaleno che ci segnali che la tempesta è passata e che l'armonia tra le persone e le cose è tornata.
    Buone feste

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    Grazie Donatella, ricambio gli auguri con un forte abbraccio

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    @frivoloamilano. Grazie mille per gli auguri che ricambio di cuore
    a presto sui ns Blog

    guido ha detto...

    Ciao Andrea,
    volevo farti gli auguri di Buon Natale e felice anno nuovo.

    Guido

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    Grazie Guido contraccambio di cuore
    Andrea

    Anonimo ha detto...

    Ciao,eccomi di nuovo. Grazie per il tuo commento nel mio blog. Ho riguardato con mia mamma le tue foto e alcune ci hanno emozionate. Queste mi ricordano alcuni dipnti di Klimt. Anche se non molti lo sanno dipingeva anche le foreste e lo faceva in modo straordinario.
    Un caro saluto a te e a questi posti incantevoli!!!
    Alessandra
    www.alerika.wordpress.com

    Silenzi d'Alpe ha detto...

    @Alessandra. Mille grazie per le tue parole gentili. In effetti anche io ho pensato a Klimt e ai suoi quadri sulle foreste di betulle. ciao e a presto sui ns Blog