mercoledì 28 gennaio 2009

O SELIGE NATUR !

Plattkofel


Perduto nell’azzurro sconfinato, io volgo spesso il mio sguardo in alto ...

Essere uno con tutto ciò che ha vita, fare ritorno, in una beata dimenticanza di sé, nel tutto della natura: ecco il vertice dei pensieri e delle gioie, la sacra vetta del monte, il luogo della quiete perenne ...


Verloren ins weite Blau, blick ich oft hinauf an den Aether ...

Eines zu sein mit Allem, was lebt, in seliger Selbstvergessenheit wiederzukehren ins All der Natur, das ist der Gipfel der Gedanken und Freuden, das ist die heilige Bergeshöhe, der Ort der ewigen Ruhe ...


(da/von Hyperion, F. Hölderlin)

10 commenti:

nonnatuttua ha detto...

Non sono mai stata in un luogo così....
Solo a vedere questa foto il silenzio mi ha "riempito le orecchie" e la luce mi ha abbagliato... mi sono lasciata avvolgere da questo miracolo.
A occhi chiusi ho immaginato di essere lì in questo spazio divino...
Sì, è possibile sentirsi parte dell'Eterno!

Silenzi d'Alpe ha detto...

Grazie Fausta del tuo commento. La foto di questo Post è scattata al tramonto di una delle belle giornate che ci ha regalato gennaio. Qui all'Alpe l'ultimo raggio di sole illumina la vetta del Sassopiatto e del Sassolungo. Poi la notte scende veloce. Ciao

mario ha detto...

La vista del Sassolungo e Sassopiatto dall'alpe di Siusi sono uno dei panorami più affascinanti e meditativi, anche se personalmente li preferisco in versione estiva (escludendo agosto)

Le tue foto e le parole a commento restano sempre un punto di riferimento ed un traguardo per me.

Grazie per la visita.

Christomannos ha detto...

Un posto semplicemente stupendo che ho avuto molte volte la fortuna di vedere e di vivere. I suoi prati, le baite sparse qua e là che sembrano mucche al pascolo, le sue splendide cime. Bellissimo.
ciao
Mario

Silenzi d'Alpe ha detto...

Caro Mario, in realtà queste parole non sono mie ma di uno dei più grandi poeti tedeschi di tutti i tempi. Io ho solo il piccolo merito di ricordarle. Grazie del tuo bel commento.

Silenzi d'Alpe ha detto...

@Christomannos. Hai ragione: l'estate l'Alpe è davvero un posto unico. Ma anche l'inverno, se ti allontani un poco dalle piste di sci, vi sono luoghi di straordinaria pace e bellezza. ciao, grazie e sempre benvenuto

montagne sottosopra ha detto...

Ogni volta che torno da queste parti mi stupisco come fosse la prima e il tuo blog me lo ricorda con le semplici ma splendide immagini ricamate ogni volta da silenziose parole a disegnarne i contorni. Anche se non sono tue , mai scelta è ogni volta più azzeccata.

un saluto
Luca
http://www.myopera.com/luca_63

Silenzi d'Alpe ha detto...

Caro Luca, grazie. La prossima volte che vieni all'Alpe speriamo di organizzare una bella girata insieme.

ciao a presto sui ns Blog Andrea

Marco ha detto...

complimenti per le belle parole, alle volte è proprio bello lasciarsi andare e perdersi nella natura.

ciao!

marco

http://marcoberri.blogspot.com

Silenzi d'Alpe ha detto...

Ciao Marco, benvenuto in questo piccolo spazio. Come già detto, le parole non sono mie, ma sono veramente molte belle!

ciao, grazie e a presto sui ns Blog